logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

TOM CRIBB, IL PRIMO BOXER AD AVERE UNA CINTURA

CRIBB UNO

“I movimenti li ho ancora tutti ma mi manca fiato”, così disse mentre seduto sul letto si alzò a mezzo busto e tirò pugni all’aria, il vecchio campione stava morendo e di fronte a lui c’era il nuovo campione di Inghilterra Tom Sping, all’epoca dei pugni nudi significava essere il campione del mondo.

L’11 maggio 1848 a Londra spirava Tom Cribb,uno dei più acclamati boxer a pugni nudi che abbiano animato la boxe di quel secolo e che fu anche   un innovatore. Fu tra  i primi che iniziò  modificare lo stile con la tattica di indietreggiare e colpire nello stesso tempo . Cribb possiede  anche un primato, il primo ad avere una “cintura” fatta di pelle di leone; a simboleggiare  un uomo dall’enorme forza fisica e dalla tempra di acciaio.

Ex marinaio e scaricatore di porto; sopravvisse a due incidenti gravissimi quando gli caddero degli enormi pali addosso e anche 100 kg di arance: illeso. Famoso anche dopo il suo ritiro tanto da esibirsi per lo zar di Russia ed essere incaricato di provvedere al servizio d’ordine con i suoi migliori 18 allievi  durante l’incoronazione di sua maestà Giorgio IV.

CRIBB DUE

 Era amato anche il suo carattere cordiale e  umile; mai una spacconeria era  anche  molto generoso. Risultano  molti gli aneddoti  aneddoti sui   suoi aiuti a persone indigenti  . Si esibì per beneficenza per aiutare ex avversari come William "Bill" Richmond, chiamato il terrore nero e cadute in difficoltà

Sì un pugile di colore, uno schiavo afroamericano che portato in Gran Bretagna da un ufficiale ebbe una educazione e la libertà, oltre a una grande fama di pugile. Tom Cribb ha affrontato chiunque,all’epoca: inglesi , americani e pugili di colore come Tom Molineaux.

I pugili di sua maestà britannica non si facevano problemi razziali quando si trattava di menare le mani per stabilire la supremazia inglese, a differenza di quanto capitò negli Usa dove John Sullivan si rifiutò di combattere contro il “negro “  Peter Jackson, probabilmente non  perchè era di colore ma perchè  er potente, abile e un  terribile pugile.

Nato il 18 luglio 1871 a Hanaham, nella contea di Gloucestershire, partito da casa a 13 anni per trovare lavoro, dopo esperienza in marina iniziò a boxare nel 1805.

CribbMolineaux TRE

Il primo incontro contro George Maddox a Wood Green una vittoria in 76 round( ebbene  si 76 round e 2 ore e dodici di combattimento) Fu  ben pagato anche nella sua unica sconfitta avvenuta in 52 round contro George Nichols . Cribb faceva spettacolo e fu soprannominato “il diamante nero” per via della sua capigliatura corvina. Dopo  l’unica battuta di arresto,iniziò a  battere tutti e sceglieva i più forti. Sconfisse  il “Terrore Nero “ Richmond, poi toccò al “Napoleone del Ring” Jem Belcher, già ex campione inglese e dotato di classe e esperienza ma  sconfitto in 33 riprese. Infine reclama il titolo inglese dopo la vittoria contro Bob Gregson  e lo difende due volte contro Tom Molineaux, vincendo in 33 round, dopo un incontro che vide la supremazia del virginiano  nei primi round nei quali  fu molto scorretto ma che alla fine fu battuto per  ko stremato dalla fatica . Anche nella rivincita , Cribb , che nel frattempo era ingrassato per una vita  gaudente vinse .  Si allenò in Scozia, perse molti kg e demolì  facilmente Molineaux in 11 riprese, mettendolo  al tappeto e spaccandogli  la mascella.

Cribb monetizzò la sua fama con esibizioni ben pagate, insegnò ai nobili l'arte pugilistica  , difese  il titolo in uno bizzarro incontro durato una ripresa ma lunga  ben un' ora.  Secondo  una regola  della London Prize Ring Rules e previo accordo tra i pugili un round poteva durare  finchè un contendente non andava al tappeto. Poi il ritiro da imbattuto campione nel 1822 a 41 anni lasciando la corona al giovane e fortissimo Tom Spring.

L’ex campione si dedicò agli affari vendendo carbone e aprendo un locale di ristorazione.

Dopo la  sua morte  tanti ammiratori contribuirono  a dedicargli  una statua raffigurante un leone che fu  installata  sul  suo sepolcro.

Clamorosa dichiarazione del supercampione dei piuma WBA, Leo Santa Cruz (36-1-1), che ha così risposto alle voci circolate sui social-network  californiani un paio di settimane fa. "El Terremoto" messicano ha confermato che salirà nella categoria superiore dopo il prossimo match e punterà a Gervonta Davis per conquistare il suo quarto titolo mondiale in altrettante categorie di peso:

Risultati immagini per Leo santa Cruz  train boxing Photos

"Ho detto alla PBC che volevo disputare tre combattimenti quest'anno e  per ora ne ho fatto solo uno. Ci sono difficoltà a organizzare una riunificazione e quindi il prossimo match potrebbe essere l'ultimo a 57 kg. Dovremo verificare se sia possibile combattere con Gervonta Davis entro la fine dell'anno. Voglio le grandi sfide! Mikey Garcia  è salito nei welter e non ha avuto paura di Spence, anche se ha perso. Non ho paura di nessuno, tantomeno di  Gervonta, il quale  è veloce, forte e  pericoloso. Proprio per questo desidero tale sfida: per mostrare di cosa sono capace. Penso che la mia esperienza e il mio stile gli darebbero molti problemi. Se non potrò combattere con lui nei superpiuma, allora proseguiremo a difendere il titolo che già possiedo, ma sarebbe una seconda scelta".

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI