logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

PugileAlRing

Trentasei metri quadrati. Trentasei metri delimitati da sedici corde colorate e sotto i piedi un tappeto ruvido, punteggiato da gocce di sudore e di sangue. Il luogo che, se lo trovi, è per sempre. Come un paese stretto tra le montagne. Uno scoglio in mezzo all’esistenza. L’Isola Che Non C’è di Peter Pan, l’eterno bambino, o quella di Robinson Crusoe, il naufrago che prima salva eppoi lega, anche quando ormai ne é lontano.

Ognuno dovrebbe essere nella vita un po’ Peter Pan e un po’ Robinson Crusoe. Ognuno dovrebbe avere nella vita la propria isola, il paese, il luogo in cui ritornare o dal quale fuggire, seguendo le alterne vicende che il destino riserva.
I pugili ce l’hanno e non se ne liberano più. Non importa se vi siano stati una volta o cento. Non se ne liberano più, quasi che sulla loro carne fosse stato impresso un marchio a fuoco, più forte del tempo presente e del “dopo”. Amarezze ed entusiasmi, speranze e delusioni, ricchezze e miserie, celebrità e solitudine, vittorie e sconfitte, dedizione e rimpianti, giovinezza e declino. Tutto essi hanno vissuto in quel luogo magico e speciale, masticando l’esistenza attimo per attimo, aspra o dolce che fosse.
Nei giorni a venire, uno dopo l’altro, non conterà la strada che essi poi prenderanno. Laggiù ci sarà sempre il campanile del paese o quell’isola quadrata, tra le nuvole delle vette o nei mari in burrasca, a fare prima o poi capolino per aiutare a non perdersi.
Ci saranno tanti momenti duranti i quali si sentirà tutto il peso della vita sulla schiena. Però basterà tornare con il pensiero là, per provare sollievo; là, dove qualcuno venne a vederti e a battere il suo cuore insieme al tuo. Non conta nulla se siano stati dieci persone o milioni a invocare il tuo nome. Lo potrai raccontare…raccontare… e raccontare di nuovo nei momenti di buio o di luce agli amici, a coloro che ti vogliono bene, ai figli e ai figli dei tuoi figli, a coloro che sanno e vogliono ascoltare. Il marchio indelebile ti rende unico e speciale.
Sì. I pugili sono fortunati. Un posto se lo sono conquistato per sempre e, come scrisse Cesare Pavese nella Luna e i Falò: ”Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo che, anche quando non ci sei, resta ad aspettarti”.

https://gualtierobecchetti.wordpress.com/

La Wba ha deliberato una semifinale nei supergallo tra l'armeno Azat Hovhannisyan(17.3) e il venezuelano - californiano Franklin Manzanilla (18.5).

Il match si svolgerà il 5 settembre al Belasco Theatre di Los Angeles. Entrambi gli aspiranti al titolo sono stati battuti da Rey Vargas ma dovrebbero offrire un valido spettacolo per il loro modo di combattere all'offensiva.
Hovhannisyan e il suo manager Neils Torring hanno firmato il contratto con la Golden Boy Promotions, che punta molto su di lui ."Crazy A", Hovhannisyan (17-3, 14 KO) si allena con Freddie Roach alla Wild Card Gym di Los Angeles. e ha dichiarato a Manouk Akopyan:

Risultati immagini per Azat Hovhannisyan boxing  photos

“Voglio vincere in modo convincente e ottenere la mia meritata opportunità mondiale. Sono pronto per diventare un detentore del titolo  al più presto . Non credo che Manzanilla potrà resistermi anche se è famoso per le sue 17 vittorie per ko Non reggerà alla mia boxe selvaggia  Ho lavorato molto sulla mia difesa e ho aumentato la mia resistenza. Non vedo l'ora di combattere".

franklin-manzanilla

Manzanilla (18-5, 17 knockouts- foto) si è rivelato in campo internazionale con un successo contro il tosto messicano Julio Ceja nel 2018 ,match dove ha conquistato il titolo Silver Wbc .Dopo ha sfidato Rey Vargas con il Wbc dei supergallo in palio ed ha perso a febbraio solo ai punti dopo aver disputato un buon match .

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI