logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

I MITI DELLA BOXE - A colloquio con Rocky Marciano

C'era una volta una rubrica di pugilato che  raccoglieva grandissima attenzione da parte dei tifosi italiani.Nei primi anni 60  Lino Mannocchia il mitico corrispondente da New York  per  diverse testate sportiva italiane tra le quali Sport Match propose  una rassegna  denominata  “20 domande a…” e intervistò grandissimi campioni .

Mannocchia  era  molto stimato negli States e amico dei  più importanti promoter e manager italiani dell’epoca  da Steve Klaus a Bruno Zambarbieri (Raffa) a Umberto Branchini, Adriano Sconcerti e Luigi Proietti . Oltreoceano “dava del tu “ a Willie Pastrano, Joe Giardiello, Eddie Perkins, Emile Griffith. Al  Jack Dempsey Restaurant a Brodway ,tra la 49 e la 50th street, era di casa .            

Dopo l’intervista pubblicata  ieri a Sonny Liston  la settimana precedente la  sfida  con Cassius  Clay , Lino Mannocchia , si trovò in un bar di  New York  con   Rocky Marciano . 

The Brockton Blockbuster  qualche giorno dopo il natale del 1963  aveva avuto uno scambio di battute  velenose con Liston.

Marciano allo speed

Ciao Rocky  perché porti ancora  la magliette di Grossinger? ( Una località montana non lontana da New York  dove  Marciano  si allenava abitualmente )

- Me ne commissionano a centinaia e le porto sempre con me . Si vendono bene. Ne vuoi una ?

E’ vero che hai litigato di brutto con Liston ?

- Non mi piace parlare di questo argomento. Non cerco pubblicità. Comunque ha detto pubblicamente che  sul ring avrebbe fatto polpette di me. Io invece  ho  dichiarato pochi giorni fa che Liston è forte ed è il favorito contro Clay che, però, non deve essere sottovalutato.  Io comunque sono un fervente  cristiano e come uomo  so porgere l’altra guancia-

E’ vero che hai suggerito alcuni colpi a Cassius Clay   durante una seduta di allenamento segreta?

- Non risponderò a questa domanda

Se Dempsey  avesse vissuto i  tuoi tempi agonistici lo avresti battuto ?

-I tecnici e molti giornalisti come te hanno scritto di si . Io non sono sicuro . Quindi dico forse….

Quale è stato il pugile più duro che hai affrontato  nei tuoi otto anni di carriera professionistica ?

- Sicuramente Jersey Joe  Walcott. Picchiava duro era resistente  e aveva una gran tecnica . Un pugile completo

E’ vero che  vorresti che  Giulio Rinaldi tornasse in America per battersi con Johnson  ?( Parliamo di Harold Johnson in quel momento sfidante nei mediomassimi  del campione Wllie Pastrano. Rinaldi alla fine del 1963 era  quarto in classifica)

- Si è vero. Per me giulio può diventare campione del mondo ma deve venire  qua  negli States  ad allenarsi

Oggi i pugili di alto livello incassano il doppio  di quelli che primeggiavano ai tuoi tempi a metà degli anni cinquanta  perché?

-Oggi  è più facile  pubblicizzare qualcuno. La gente  è attratta anche dalla Tv e i giornali  scrivono molto sulla boxe. Il problema è che noi davamo spettacolo e oggi  del buon pugilato fai fatica a trovarlo. E certa gente  poco raccomandabile da vendere bene un prodotto scarso  –

Perché vuoi tornare nel mondo del pugilato ?                                                                                                    Ho veramente voglia di  allenare , istruire , guidare i giovani atleti. Specialmente quelli di origini italiane

  • Marciano mamma spaghetti

Quando torni in Italia  in vacanza ?

-Spero presto . L’italia  è la mia seconda casa . Lì ci sono le mie origini, i miei genitori  l’hanno sempre nel cuore . A proposito perché non vieni a trovarmi a casa. Ti prometto un  piatto di maccheroni alla chitarra  fantastico  e  fatto da mamma  Lena.

Marciano libro

Il primo libro uscito in Italia su Marciano

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI