logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

Dopo un anno di squalifica oggi rientra Tony Yoka contro Dimitrenko e la Francia pugilistica si divide!

YokaDimitrenko

Stasera alla “Azur Arena” di Antibes, la rinomata località balneare francese tra Cannes e Nizza, effettuerà il proprio rientro dopo un anno d'inattività il 27enne massimo parigino Tony Yoka (5-0-0; 4 ko). Un lontananza, la sua, che certamente non gli ha fatto molto onore, considerando che gli é stata comminata la  lunga squalìfica per non essersi reso reperibile in tre circostanze, tra il 2016 e il 2017, ai controlli dell’agenzia nazionale antidoping. Lo statuario pugile di 2 metri e 2 cm, medaglia d’oro olimpica a Rio de Janeiro 2016 al pari della moglie Estelle Mosselly, salita nella medesima circostanza sul podio più alto tra le peso leggere, ha disputato l’ultimo match il 23 giugno 2018 al palasport di Parigi, battendo per kot al 10° round il non irresistibile inglese David Allen e, come pure nelle precedenti esibizioni, attorno al ring c’era il pubblico delle grandi occasione anche se, in verità, una grande occasione non era. Si tratta di un personaggio e di un pugile controverso, di cui metà degli appassionati tesse le lodi mentre l’altra metà ne enfatizza i limiti. Per questo muove tanto pubblico e tanto denaro; per questo potrebbe essere destinato ad un importante futuro.

Di fronte si troverà il 37enne russo d’Amburgo Alexander “Sacha” Dimitrenko (41-5-0; 26 ko), alto quanto lui e che per lunghi anni i promoter tedeschi hanno inutilmente cercato di fare diventare una “stella” di prima grandezza, per poi rassegnarsi al fatto che l'impresa era impossibile perché, a parte la breve parentesi europea nel 2010/11,  ad ogni appuntamento importante contro avversari di buon livello ha sempre fallito, cedendo prima del limite (4 ko) ed evidenziando tutti i vistosi limiti caratteriali e difensivi.

Ora, reduce da dure batoste con Parker, Jennings e Ruiz jr, "Sacha" é giunto agli ultimi spiccioli della propria comunque dignitosa carriera, però potrà dare forse qualche interessante risposta ad alcuni dubbi che attanagliano gli appassionati d’Oltralpe: Yoka ha potenza o piumini nei guantoni? Incassa o ha la mascella fragile? Ha cuore o si perde quando le cose si fanno difficili? Lo si capirà forse meglio sabato, in attesa che, spolveratasi dalle spalle la polvere di un anno gettato al vento, Yoka cominci a cimentarsi con avversari di alto livello per recuperare il tempo perduto. 

Nel contorno, uscito dal programma Cedric Vitu infortunatosi ad una spalla, da segnalare la seconda difesa del titolo nazionale dei gallo da parte del 27enne imbattuto Elie Konki (6-0-0; 1 ko), con appena una manciata di match nel proprio curriculum, contro il 22enne Sebastian Iacobas (4-1-1), il cui palmarès é ancora più scarno, a conferma di come le “piccole” categorie trovino sempre meno interpreti in Europa per la rapida mutazione fisica delle nuove generazioni. Ad alzare il tono della serata contribuirà però il 28enne imbattuto superwelter franco-senegalese  Souleymane Cissokho (9-0-0; 6 ko), un vero talento in possesso di fisico, potenza, tecnica e personalità. Reduce da un netto successo ai punti al Madison Square Garden di New York contro Vladimir Hernandez nello scorso giugno, se la vedrà con il coetaneo argentino Juan Carlos Paz (23-9-1; 13 ko), un onesto e tenace pugile, per il quale però si prospetta una quasi certa “serataccia”. Cissokho ha ambizioni importanti e per ora non ha mai dato la sensazione d’essere di “manica larga” contro i rivali, anche quando gli sono inferiori. Aggiungerà un altro ko al proprio immacolato record? E’ probabile...

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI