logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

"Dietro l'angolo del ring 8": Dario Morello

MorelloDario

Dario Morello "nasce" nel mondo della boxe, cresce respirando l'aria della palestra di pugilato di suo zio, cresce respirando l'odore tipico della fatica che solo nelle palestre di pugilato c'è. Ama talmente tanto quella realtà da trascorrere intere giornate a guardare e ad emulare gli allenamenti degli amatori e del suo papà, grande appassionato di boxe.

Immaginiamo per un attimo un bambino di quattro anni che vive in un paesino in provincia di Cosenza, il quale piuttosto che giocare a calcio per le strade preferisce "giocare" alla boxe sognando di diventare un pugile. Davanti alla sua forte passione la mamma, inizialmente preoccupata, alla fine l'ha spinto ad inseguire il suo sogno, sostenendolo in ogni scelta e cercando di non trasmettergli la propria ansia. Ora Dario vive a Bergamo da circa cinque anni dove, oltre ad allenarsi tutti i giorni, è titolare di uno studio di personal training dopo aver conseguito negli Stati Uniti il NASM. La differenza tra questa attività e quella di una palestra comune, sta nel fatto che gli allenamenti si svolgono "one to one", ossia con una persona per volta. All'interno del suo studio insegna sia tecnica pugilistica che preparazione atletica. Chi condivide con lui ogni successo,ogni timore ogni sacrificio, è la sua compagna Ilaria e a tal proposito Dario afferma: "Ilaria mi ha conosciuto pugile e subito ha saputo essere al mio fianco, capendo cosa significa praticare questo sport. E' la mia grande alleata e parte attiva durante la mia preparazione quando si fa carico dei miei sacrifici ed è un punto di riferimento per me".

Oggi Dario è una delle maggiori speranze  del pugilato Italiano e tra le sue vittorie più belle ricorda con tanta emozione la vittoria del Campionato Italiano, per due motivi: perché aveva superato un momento difficile dove dopo aver lasciato la Nazionale e il inoltre aveva battuto un suo idolo, Tobia Loriga, anche se per lui questo è  sempre stato un mix di emozioni quasi contrastanti. Tra le delusioni più cocenti, invece ricorda, da dilettante, le "Olimpiadi Universitarie" e il match per la medaglia contro un turco. Mise tutto se stesso, ci credeva davvero tanto, per cui il verdetto negativo fu un duro colpo e quel momento fu molto difficile per Dario, il quale dice: "Dopo quella sconfitta avevo come un rifiuto di continuare a fare sacrifici tra allenamenti, dieta, ecc. Ricordo che ero combattuto: c'era una parte di me che voleva ritornare in palestra e un'altra parte quasi autodistruttiva, perché incominciai a riversare la mia rabbia sul cibo, mangiando continuamente e passando le giornate senza far nulla. Dopo circa un mese mi dissi che lo sport era questo e che nella vita bisognava accettare anche le sconfitte; così sono rinato e ho ripreso a darmi da fare".

Ciò che gli dà la carica è chi crede in lui e paradossalmente anche chi non punterebbe su di lui! Entrambi sono motivo di crescita per sfidare se stesso.

Le sue aspirazioni future? Non si pone obiettivi a lungo termine, ma punta a vincere tutto ciò che gli sarà proposto. Prossimo obiettivo, 19 settembre con difesa del titolo WBO GLOBAL conquistato il 28 giugno scorso.

In bocca al lupo, Dario!

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI