logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Bordo Ring

Williams batte Hurd dopo un immenso match

 

 

Hurd atterrato al 2° round

Presentando il match fra Jarrett Hurd e Julian Williams avevamo scritto che Williams non era ancora riuscito a fare quel salto che fa un buon pugile per diventare un campione. Ebbene quel salto Williams lo ha fatto stanotte a Fairfax, Virginia, battendo nettamente ai punti Hurd e togliendogli i titoli di sigla IBF e WBA Super dei pesi superwelter al termine di uno splendido match, sicuramente uno dei più belli finora di questo 2019.

Dopo un inizio piuttosto cauto da entrambe le parti Hurd ha imposto quella corta distanza che stranamente pare prediligere nonostante sia molto alto e abbia un grande allungo. Probabilmente Williams se lo aspettava e ha dimostrato di essere migliore nella boxe da vicino e a fine round ha atterrato Hurd per la prima volta in carriera con un uno-due gancio destro e gancio sinistro alla testa, ma in realtà è stato il primo colpo ad essere quello che ha prodotto danni. Williams ha ovviamente cercato di chiudere lì ma non ne ha avuto il tempo e nel round seguente Hurd ha dimostrato di essersi ripreso tanto da aggudicarsi secondo noi la ripresa.

Il match è proseguito con frequenti corpo a corpo, correttissimi peraltro, e Williams era più preciso colpendo sotto e sopra e aggiungendo il montante. Hurd dava l'impressione di maggiore potenza ma di minore precisione, il passo era frenetico, gli scambi di colpi continui con Williams gonfio vicino all'occhio sinistro. La lotta proseguiva accanita in un 6° round stupendo di dai e prendi tanto che nel 7° entrambi dovevano rifiatare un attimo e si tornava a combattere su media e corta distanza dove le lunghe leve di Hurd parevano funzionare meglio.

L'inizio dell'8° round vedeva Hurd in difficoltà perché la vaselina che gli avevano messo all'angolo gli era entrata negli occhi, Williams si avventava e ricominciava una lotta a corta distanza nella quale Williams subiva ma riusciva in ogni caso ad avere la meglio, nel 9° round non si sa come Hurd abbia potuto digerire un montante destro al mento portatogli a tutta forza da Williams.

La parte finale del match vedeva Hurd, minacciato dal proprio angolo addirittura di ritiro (!) cercare il tutto per tutto, consapevole che solo così poteva rimanere campione di sigla. Provava anch'egli il lavoro al corpo, cercava spazio per le sue leve ma ormai il match era segnato e lui era a corto di lucidità.

Ciò che in realtà ha prevalso in questa grande battaglia è stata la grande formazione tecnica, di scuola filadelfiana, di un Williams preparatissimo che ha saputo sfruttare al meglio i difetti conosciuti di Hurd, quella difesa non perfetta, quello stare spesso eretto, il non muovere sufficientemente testa e tronco. Hurd era uscito sempre vittorioso in precedenza grazie alla potenza e alla fisicità, questa volta il gioco non è riuscito. Ma complimenti ad entrambi.

Il verdetto era di 116-111 e 115-112 due volte per Williams. A nostro avviso il primo cartellino era quello giusto.

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI