logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

Il match che Tom Brown proporrà sabato al Dignity Health Sports Park di Carson, merita attenzione.
Si rivedrà, tra i pesi massimi, il 29enne californiano Andy Ruiz Junior (31-1-0), già sfidante al titolo WBO e sconfitto ai punti da Parker, per majority decision, contro l'ex campione russo-tedesco Alexander Dimitrenko (41-4-0).

Risultati immagini per Andy Ruiz vs Alexander Dimitrenko Carson Boxing Photos Top Rank

Entrambi hanno combattuto poco ultimamente. "Sacha" ha disputato un solo match nel 2018, mentre Andy due però è rimasto lontano nel 2017. Dimitrenko ha combattuto nello scorso agosto ed è naufragato sotto i colpi di Jennings, ad Atlantic City. Aveva iniziato molto bene, tenendo lontano il gigante di Filadelfia, poi improvvisamente ha esaurito la benzina e Jenning lo ha giustiziato al nono round con un  montante destro. "The Destroyer" Ruiz, dal canto suo, ha battuto per ko Devin Vargas eppoi il difficile veterano Kevin Johnson, nel luglio 2018. In tale combattimento ha fatto vedere di essere  davvero in buona forma, mobile sulle gambe e pungente di fronte ad un avversario di grandissima esperienza, che pensava solo a difenfendersi.

Il match di sabato sarà tra due avversari in cerca di riscatto. Probabilmente Ruiz è il massimo con le mani più veloci della categoria. Non è però un atleta fsicamente armonioso e non è mai entrato veramente nel grande giro.

Risultati immagini per Andy Ruiz vs Alexander Dimitrenko Carson Boxing Photos Top Rank

Ruiz (31-1-0; 20 ko) regalerà un notevole vantaggio di altezza e allungo a Dimitrenko e sarà interessante vedere come il pugile di origine messicana troverà la distanza ravvicinata per scaricare le sue micidiali serie. E' di  sette anni più giovane e secondo le ultime indiscrezioni, in caso di una limpida vittoria, potrebbe diventare il prossimo avversario di Tyson Fury. Bob Arum, ad una precisa domanda sul tema, non ha smentito...

Salamov

(Umar Salamov)

Tra poche ore in Russia, sul ring ceceno di Grozny, in programma una manifestazione con ben sedici match professionistici, quattro dei quali con titoli internazionali in palio.

Il 24enne mediomassimo e idolo di casa, Umar Salamov (23-1-0; 17 ko), difenderà la propria cintura Intern.le Wbo contro il 30enne mancino polacco Norbert Dabrowski (22-7-2; 9 ko), al quale sembra facile, purtroppo per lui, pronosticare una “serataccia”. Il campione ceceno, infatti, possiede colpi pesanti, tante ambizioni ed é giovanissimo, nonostante sia professionista da quasi sette anni. Dabrowski non ha mai perso prima del limite, comportandosi bene anche con rivali del calibro di Eleider Alvarez e Dominic Boesel (il campione europeo contro il quale avrebbe dovuto battersi Kolaj sabato sera in Germania). Si tratterà di verificare se Salamov riuscirà a fare meglio, anche per rafforzare l’interesse che su di lui si nutre in Russia, ma anche negli Stati Uniti, dove ora abita.  

Per il vacante e “fantomatico” europei Ibf dei supermedi, l’imbattuto 23enne Aslambek Idigov (15-0-0; 7 ko), pure ceceno trasferito a Las Vegas, affronterà il tutt’altro che disprezzabile 36enne venezuelano di Barcellona Ronny Landaeta (16-1-0; 10 ko), già campione UE e recente dignitosissimo sfidante europeo di Krasniqi, per quanto battuto ai punti.

Sarà poi la volta del 29enne gigantesco e imbattuto massimo russo Apti Davtaev (16-0-1; 15 ko), che dovrà dimostrare se l’impressionante serie di successi per ko, conseguiti anche negli Usa e in Germania, sia dovuta alla propria devastante potenza o alla fragilità dei rivali sino ad oggi affrontati. In verità, il 41enne brasiliano di San Paulo, Pedro Otas (32-4-1; 28 ko), il quale gli contenderà il vacante Intern.le Wbo, alimenta il sospetto che non finirà molto diversamente dai suoi sfortunati predecessori perché non ha mai incontrato altri se non avversari di modestissima quotazione e i pochi appena “passabili” l’hanno messo ko, quindi…

Infine, il 20enne e talentuoso mosca Mekhdi Abdurashedov (5-0-0; 3 ko), cercherà di portare in Russia la quarta cintura della serata, quella vacante Intern.le Wbc, ma dovrà battere il 26enne ugandese Frank Kiwalabye (17-1-0; 13 ko), sempre cimentatosi nel proprio paese però sconfitto una sola volta e non troppo facilmente, per il titolo Wbo africano, dal quotato Joseph Agbeko. Insomma, almeno sulla carta sembrerebbe che proprio il “piccolino”, tra le quattro vedettte russe, sia quello che avrà il compito più complicato.  

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI